Dpcm di Giuseppe Conte illegittimo: Lockdown, la sentenza, violare la zona rossa non è reato

Dpcm di Giuseppe Conte illegittimo: Lockdown, la sentenza, violare la zona rossa non è reato

 

Fonte:liberoquotidiano 11 marzo 2021

Infrangere la zona rossa, non rispettando le regole dei Dpcm e scrivere il falso nell’autocertificazione non è reato. Lo ha stabilito il tribunale di Reggio Emilia dopo che una coppia in pieno lockdown era uscita di casa senza un valido motivo e, fermata dai carabinieri, aveva presentato un autocertificazione poi risultata falsa. La coppia ha spiegato di essere “in gita”. I due sono stati denunciati per falso ideologico in atto pubblico, ma sono stati assolti “perché il fatto non costituisce reato” e perché il Dpcm dell’allora premier Conte era “illegittimo”.



Per il giudice è acclarata “l’indiscutibile illegittimità del Dpcm dell’8 marzo 2020 come pure di tutti quelli successivamente emanati dal Capo del governo. Tale disposizione stabilendo un divieto generale e assoluto di spostamento al di fuori della propria abitazione, con limitate e specifiche eccezioni, configura un vero e proprio obbligo di permanenza domiciliare. Tuttavia, nel nostro ordinamento giuridico, l’obbligo di permanenza domiciliare consiste in una sanzione penale restrittiva della libertà personale che viene irrogata dal Giudice penale per alcuni reati all’esito del giudizio”, si legge nella sentenza.

Per il giudice i decreti anti-Covid sono incostituzionali: “Primo corollario di tale principio costituzionale è che un dpcm non può disporre alcuna limitazione della libertà personale, trattandosi di fonte meramente regolamentare di rango secondario e non già di un atto normativo avente forza di legge”.  Ma diversi giuristi ritengono invece esatta la legittimità dei dpcm, perché secondo l’articolo 16 della Carta la libertà di movimento può essere ridotta dalla legge per motivi “di sanità o di sicurezza”. Il giudice di Reggio Emilia, però, ribadisce ha deliberato che “la libertà di circolazione riguarda i limiti di accesso a determinati luoghi, come ad esempio l’affermato divieto di accedere ad alcune zone circoscritte che sarebbero infette, ma giammai può comportare un obbligo di permanenza domiciliare e quando il divieto di spostamento è assoluto è indiscutibile che si versi in chiara e illegittima limitazione della libertà personale”, così scrive nella sentenza. Ma adesso sarà un vero problema per il governo Draghi scrivere nuovi Dpcm che comportino un nuovo lockdown.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.