La guerra sarà dura per tutta l’Europa. Le previsioni del disastro, Fmi: crescita debole e recessione

La guerra sarà dura per tutta l’Europa. Le previsioni del disastro, Fmi: crescita debole e recessione

Guerra incontro lider europei

 

Fonte:IlTempo 23 aprile 2022 di Leonardo Ventura

La guerra in Ucraina avrà pesanti conseguenze economiche per l’Europa, tanto che per alcune delle maggiori economie del continente, come l’Italia, la Francia, la Germanie e il Regno Unito le previsioni di crescita si fanno molto deboli quando non negative. In caso di contrazione per due trimestri consecutivi si tratterebbe di recessione tecnica. È il quadro delineato dal Fondo monetario internazionale, che ha pubblicato ieri il Regional economic outlook. «Prima della guerra, mentre le economie europee avanzate ed emergenti avevano recuperato gran parte delle perdite del Pil del 2020, il consumo privato e gli investimenti rimanevano ancora molto al di sotto delle tendenze pre-pandemia», spiega il rapporto, aggiungendo che «la guerra ha portato a grandi aumenti dei prezzi delle materie prime e ha aggravato le interruzioni dell’offerta, che alimenteranno ulteriormente l’inflazione e taglieranno i redditi delle famiglie e i profitti delle imprese». Tra gli effetti possibili, se la guerra dovesse avere una durata prolungata «aumenterebbe il numero di rifugiati in fuga verso l’Europa», che inoltre «aggraverebbe le strozzature della catena di approvvigionamento, aggiungerebbe pressioni all’inflazione e aggraverebbe le perdite di produzione», spiega il rapporto.

presidenti europei

E se da una parte i rincari energetici e alimentari avranno effetti diffusi, l’aumento dei prezzi del gas naturale in Europa inciderà in modo sproporzionato nei paesi con una maggiore dipendenza dalla Russia: Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia e Repubblica Slovacca. «L’improvviso arresto dei flussi di energia dalla Russia» è il rischio più preoccupante, «che porterebbe a significative perdite di produzione, in particolare per molte economie dell’Europa centrale e orientale». Per la Bundesbank, bloccare immediatamente le forniture di gas russo potrebbe costare alla Germania 180 miliardi di euro nel 2022, intaccando il Pil del 5% e portando ad un brusco un balzo dei prezzi energetici e alla recessione più profonda degli ultimi decenni. In conferenza stampa Alfred Kammer, direttore del dipartimento europeo del Fondo monetario internazionale, ha ribadito che «diverse grandi economie, come la Francia, la Germania, l’Italia e il Regno Unito, dovrebbero espandersi a malapena o addirittura contrarsi per due trimestri consecutivi quest’anno», parlando della possibilità di una «recessione tecnica».

Draghi Macron

Kammer ha inoltre osservato come alcune economie si stiano attivando – compresa l’Italia – per una ricerca di fonti di approvvigionamento alternative alla Russia, ricorrendo anche a iniziative di riduzione dei consumi energetici. Il Fondo rileva che poiché si tratta di uno shock dell’offerta, in termini economici, la guerra va ad aggravare le sfide politiche che la pandemia aveva creato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.