“La libertà è sacra”. Covid, il duro attacco di Giorgia Meloni a Crisanti: giù le mani dalle nostre vite

“La libertà è sacra”. Covid, il duro attacco di Giorgia Meloni a Crisanti: giù le mani dalle nostre vite

 

Fonte:LiberoQuotidiano 07 giugno 2021

 La Meloni contro Andrea Crisanti: “Geolocalizzazione contro il Covid? La nostra libertà è sacra”

È una Giorgia Meloni durissima quella contro l’ultima proposta di Andrea Crisanti: geolocalizzare il cittadino in ogni luogo pubblico. Il professore di Microbiologia all’Università di Padova ha lanciato l’idea di controllare ogni minimo spostamento degli italiani con la più banale delle scuse: “Senza tracciabilità e controlli sul Covid-9 la strada è aperta a qualsiasi variante”. Quanto basta per scatenare la rabbia della leader di Fratelli d’Italia: “Trovo folle la deriva che sta prendendo la gestione dell’epidemia”, esordisce su Twitter per poi prendersela con gli scienziati: “Da loro mi aspetto soluzioni mediche come cure e protocolli domiciliari, non meccanismi di controllo della vita di ogni singolo individuo. La libertà dei cittadini è sacra, inviolabile e inderogabile”. Capito Crisanti?

Il fan del Grande Fratello in versione moderna qualche giorno fa aveva sollevato lo sdegno dell’alleato della Meloni, Matteo Salvini. Anche questa volta al centro il coronavirus. O meglio, le riaperture tanto temute dal professore. Crisanti si era addirittura spinto a paragonare i decessi del coronavirus con la strage della funivia del Mottarone: “Le faccio un ragionamento paradossale – spiegava nel salotto di PiazzaPulita su La7 -. Supponiamo che alla funivia del Mottarone non fosse successo niente, era giusto levare il freno? La risposta è no. Abbiamo levato i freni prima del dovuto”.

E ancora: “Ce lo diceva l’Inghilterra quello che dovevamo fare, dovevamo aspettare 3-4 settimane e levare i freni. Non dimentichiamo che in questo mese fantastico ci sono stati 7mila morti. Ci avviamo a superare l’Inghilterra e diventare il primo Paese in Europa per mortalità e sicuramente uno dei primi al mondo”. Puntualissima la replica del leader della Lega, allibito per quanto ascoltato: “Ieri sera in diretta Tv l’irriducibile Crisanti è arrivato a paragonare le riaperture del 26 aprile alla funivia del Mottarone operata senza freni. Senza vergogna. Senza parole“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.