La trappola a Luca Morisi per colpire Salvini

 

Fonte:7Colli 28 Settembre 2021 di Francesco Storace

A me puzza assai questa storia di Luca Morisi. Mi sa di polpetta avvelenata contro Matteo Salvini. Per fargli male.

Ti alzi di mattina e apri Repubblica e Corriere della Sera, e leggi in prima pagina che “il guru dei social della Lega” è indagato per droga.

Quella trappola a Luca Morisi

Che è – anzi era fino a un po’ di tempo fa – proprio Luca Morisi. E qui entra anche una dimensione personale, l’affetto, la confidenza via whatsapp quasi quotidiana, la stima professionale.

Luca ha scritto una bellissima lettera a Matteo. Ha chiesto scusa a lui, alla Lega, a suo padre, per aver ceduto. Ma di che droga parliamo? Dice la procura competente, un banale quantitativo per uso personale. Male, certo, ma non è reato, la sinistra che attacca Morisi (per colpire Salvini) la vorrebbe addirittura legale a prescindere.

Poi, leggi i social, la canea, e ti rendi conto che qualcuno ha usato la trappola e per questo va apprezzata una volta di più la mano che Salvini ha teso al suo vecchio e caro amico Morisi.

La domanda è: se Luca Morisi è così importante da meritare le prime pagine dei giornaloni, come mai un’indagine che sarebbe partita a Ferragosto finisce sulla stampa l’ultima settimana di campagna elettorale?


Il mostro in prima pagina

Il dubbio ti viene eccome, anche perché al sensazionalismo ci abbiamo fatto il callo e il mostro in prima pagina lo sbattono facilmente, salvo non scusarsi mai quando i fatti negano quello che si deciso di sparare sul giornale.

Pare quasi ovvio dover dire che se Morisi ha sbagliato, ne pagherà le conseguenze. Ma si consenta a chi gli vuole bene di non cambiare opinione su di lui di fronte ad un errore. Che è tale anche perché è proprio lui a scusarsi. E di questi tempi non si trova facilmente chi è disposto a farlo.

A sinistra sono capaci di mettere in discussione persino l’amicizia. Preferiscono la complicità. Quella sì, occulta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.