L’assembramento va bene se è per il Ddl Zan. Fusaro vince facile sulla doppia morale della sinistra

L’assembramento va bene se è per il Ddl Zan. Fusaro vince facile sulla doppia morale della sinistra

 

Fonte:IlTempo 09 maggio 2021

L’indignazione a targhe alterne e le regole che valgono solo per chi la pensa diversamente. Diego Fusaro, filosofo e assiduo frequentatore dei salotti tv abituato a dividere il pubblico, ha gioco facile nell’evidenziare l’ipocrisia e il silenzio della sinistra sulla manifestazione dei Sentinelli ieri sabato 8 maggio a Milano in favore del Ddl Zan contro l’omofobia.

“Adesso. 8000 persone in piazza a manifestare per il Ddl Zan a Milano. Se manifesti per le questioni che piacciono al padronato cosmopolitico, non vi sono più impedimenti legati alla salute pubblica, a quanto pare. Ricordo per inciso che ad ‘Ancora Italia. Per la sovranità democratica’ sono state vietate le manifestazioni a Vittorio Veneto e a Pordenone per ragioni di salute pubblica”, scrive Fusaro sui social.

All’Arco della Pace a Milano hanno manifestato in 8mila secondo gli organizzatori, la metà secondo la questura. Sul palco hanno sfilato nomi dello spettacolo, a partire da Malika Ayane, Lella Costa e Paola Turci, ma anche persone vittime di odio, a partire da Malika, la giovane di Castelfiorentino cacciata di casa perché lesbica, o Miguel Reyes Ross, picchiato a Roma per aver tenuto per mano il suo compagno. Tra loro anche Valentina Petrillo, prima atleta transgender italiana a correre per qualificarsi alle Paralimpiadi di Tokyo 2021, in partenza per gli Europei indoor in Polonia, uno dei Paesi più reazionari sui diritti Lgbt.

A prendere la parola dal palco tra gli altri il deputato Pd Alessandro Zan, da cui il ddl prende il nome, che da Milano ha lanciato un appello a Matteo Salvini e Giorgia Meloni a “uscire dall’indifferenza” e ad approvare “una legge di civiltà come hanno già fatto i loro colleghi europei”, invitando a “non tirare per la ghiacchetta Draghi”. Dal palco Zan ha anche ringraziato Fedez per il discorso tenuto al Concertone del Primo Maggio, gesto con cui “ha squarciato il velo di ipocrisia”. Insomma, il campionario concreto delle manifestazioni arcobaleno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.