Matteo Salvini contro Luigi Di Maio per i 30 diplomatici russi espulsi: «Non è così che si lavora per la pace»

Matteo Salvini contro Luigi Di Maio per i 30 diplomatici russi espulsi: «Non è così che si lavora per la pace»

 

Fonte:Secoloditalia 05 aprile 2022

La guerra tra Russia e Ucraina mette sempre più a dura prova la tenuta della maggioranza di governo. Poco fa, in commissione Difesa del Senato, il M5S si è astenuto in merito al parere sul decreto legislativo che esonera dal pagamento dell’Iva e delle accise i fabbricanti di armi. Dopodiché ha attaccato la Lega che ha votato “” pur nutrendo gli stessi dubbi dei grillini. Neanche un giro di lancette e la situazione si ribaltava, con gli uomini di Matteo Salvini all’attacco di Luigi Di Maio, reo ai loro occhi di aver decretato l’espulsione di ben trenta diplomatici russi «per motivi di sicurezza nazionale».


Di Maio nel mirino della Lega

Una misura, aveva specificato il responsabile della Farnesina, «presa in accordo con altri partner europei e atlantici». Analoga decisione ha infatti adottato il governo spagnolo con l’espulsione di 25 diplomatici russi. La sortita di Di Maio non è però piaciuta a Salvini. «Al fine di raggiungere la pace – ha detto il leader della Lega –, non servono le espulsioni ma il dialogo e il buon senso». Prima di lui era stato il responsabile Esteri del Carroccio, Lorenzo Fontana, ad andare all’attacco del ministro. «La Farnesina – aveva detto il vicesegretario della Lega – avrà fatto le sue valutazioni e siamo certi che i provvedimenti saranno giustificati in modo chiaro e completo.

Il Cremlino: «Reagiremo in base al principio della reciprocità»

«Di certo, la storia insegna che la pace si raggiunge con il dialogo e la diplomazia e non espellendo i diplomatici. L‘Italia – aveva concluso Fontana – deve lavorare per fare in modo che si risolva il conflitto il prima possibile. Per tutelare e salvare più civili possibili e al tempo stesso difendere gli interessi del Paese». A Di Maio ha replicato (ovviamente) anche il Cremlino. «Reagiremo in modo adeguato e pertinente – ha annunciato il ministro degli Esteri di Mosca Maria Zakharova -. L’espulsione dei diplomatici dimostra la mancanza di lungimiranza europea. La Russia risponderà all’espulsione dei 30 diplomatici da parte dell’Italia, sulla base del principio di reciprocità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.