Estratto dall’articolo di LiberoQuotidiano.it

“Odio tutti gli ebrei, odio tutti gli israeliani, dal primo all’ultimo, odio tutti quelli che li difendono, tutti tutti, tutti i giornalisti, tutti i politici, tutti i para**li”: a dirlo Cecilia Parodi, la scrittrice ospitata dai giovani del Pd a un convegno dello scorso febbraio. Terribili le parole della donna, che in un video sui social ha poi aggiunto: “Vi odio perché mi avete rovinato la vita, la fiducia, la speranza. Spero di vederli tutti appesi per i piedi! Giuro che sarò in prima fila a sputarvi addosso!”.

Nessun commento per ora da parte della segretaria del Pd Elly Schlein, che non solo non si sarebbe dissociata dalla scrittrice, ma non avrebbe neanche rimproverato i suoi per averla invitata. Indignati, tra gli altri, gli esponenti di Fratelli d’Italia. Raffaele Speranzon, vice capogruppo vicario al Senato ha detto: “In rete è diventato virale il video di una tizia che vomita insulti e minacce nei confronti degli ebrei”. E ancora: “Apprezzando che la tizia in questione è tale Cecilia Parodi, non stupisce che si tratti di un’attivista di sinistra, dovrebbe invece far riflettere che sia stata ospite nel febbraio scorso di un’iniziativa dei giovani del Pd”.
A seguire, il riferimento alla segretaria del Pd: “Elly Schlein ritiene opportuno che un personaggio che si esprime in modo così violentemente antisemita partecipi alle iniziative della sua gioventù? La realtà è che la sinistra conserva l’abitudine di guardare la pagliuzza nell’occhio altrui senza preoccuparsi del proprio, per questo non abbiamo mai accettato e mai accetteremo le lezioni morali da loro”. A interpellare la segretaria dem anche il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Lucio Malan: “Apprendiamo che la Parodi sarebbe stata ospite di alcune iniziative dei giovani del Pd. Elly Schlein non ha nulla da dire? Ritiene ammissibile che una persona portatrice di tale odio e tali aberranti idee possa essere ospite di eventi della giovanile del Pd? Ci attendiamo che faccia chiarezza, perché in questi mesi dalla sinistra troppo spesso abbiamo assistito ad atteggiamenti ambigui e silenzi”.

Riccardo De Corato, deputato meloniano e vicepresidente della commissione Affari Costituzionali, ha messo in evidenza invece la doppia morale all’interno del Partito Democratico: “Da una parte la ferma condanna per Gioventù Nazionale con il tentativo di gettare fango anche sul Governo, dall’altra la totale connivenza verso i Giovani Democratici che hanno organizzato riunioni con elementi chiaramente antisemiti come Cecilia Parodi, la quale ha espresso a più riprese parole di odio verso la comunità ebraica, rivelando un preoccupante atteggiamento di intolleranza che non dovrebbe trovare spazio in nessun movimento politico che si definisca democratico e inclusivo. Non si può condannare l’antisemitismo solo quando si manifesta tra gli avversari politici e chiudere un occhio quando è presente tra le proprie fila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.