“Dati da zona gialla, ma chiudete lo stesso”. La follia, Pressing di Speranza sulle regioni: accettate la zona arancione, anche se le cifre sono da giallo. Chi rischia

“Dati da zona gialla, ma chiudete lo stesso”. La follia, Pressing di Speranza sulle regioni: accettate la zona arancione, anche se le cifre sono da giallo. Chi rischia

 

Fonte:liberoquotidiano 19 febbraio 2021

Mancano ormai soltanto poche ore alla decisione sul cambio di colori per le regioni, il primo da che Mario Draghi è al governo. La morsa del coronavirus, con le varianti, com è noto preoccupa. E le scelte potrebbero infatti essere punitive. I passaggi di fascia avvengono in base ai dati del monitoraggio. Ma si apprende che Roberto Speranza è in pressing sui governatori affinché accettino la zona arancio anche se i dati sono da permanenza in zona gialla, una sorta di moral suasion giustificata con lo spauracchio di passare direttamente al rosso la prossima settimana. La convinzione infatti è che aperture di bar e ristoranti possano influire sull’andamento della curva epidemiologica.

E così, le regioni che restano in bilico tra giallo e arancione sono la Lombardia, il Lazio, il Piemonte, il Friuli Venezia Giulia, le Marche e l’Emilia Romagna. Dunque l’Abruzzo, che è in arancione e ha già messo in lockdown le province di Pescara e Chieti: la regione sarebbe destinata a diventare rossa. Contrario però il governatore Marco Marsilio, il quale sottolinea come l’Rt è sceso da 1.22 a 1.17 e spera nulla cambia. Per inciso, nessuno dei governatori delle regioni a rischio-arancione sarebbe disposto ad accettare il passaggio “preventivo” in arancione. Insomma, la tensione è alle stelle e gli scenari sono mutevoli.

Le regioni sul filo, va da se, tentano la resistenza per evitare altri colpi durissimi al tessuto economico. Attilio Fontana, per la Lombardia, parla chiaro: “Spero proprio di non andare in arancione, lo spero e mi auguro che non si verifichi questa situazione. Come ogni venerdì ci confronteremo con il Cts”. E ancora, il leghista chiede agli scienziati di anticipare le decisioni “perché i dati li hanno da martedì”. Al netto di tutto ciò, Fontana ammette che con il “giallo” la curva del contagio risale: “Purtroppo è un dato di fatto acquisito che con le chiusure i dati migliorano, con le aperture più larghe i dati peggiorano”, rimarca.

Infine, anche una buona notizia, che arriva dalla Valla d’Aosta: potrebbe essere infatti la prima regione da che pandemia fu e da che colori furono ad entrare in zona bianca. Insomma, possibile un ritorno alla vita normale, senza chiusure, pur nel rispetto dell’obbligo di indossare la mascherina e di mantenere un ferreo distanziamento sociale.

Riflessioni sull’articolo

Nulla di personale nei suoi confronti ci mancherebbe, Speranza e una persona per bene non ci sono dubbi, ma come ho già scritto in riflessioni precedenti non sono d’accordo sulla sua riconferma, non ci può essere cambio di passo svolta, se a gestire c’è la stessa persona, e in questo momento quello della Salute e un ministero difficile, ci voleva un tecnico un medico, ad esempio Sileri poteva essere elevato a ministro, lo stesso da viceministro si è trovato spesso in contrasto con il ministro e soprattutto con i suoi consiglieri, o qualche altro bravo medico tipo Bassetti, invece si è preferito rimanere ancorati al passato, fossilizzati in quella idea di chiusure e basta, senza cercare altre soluzioni perché non hanno altre soluzione avendo gli stessi uomini nessuno ha ne porta soluzioni nuove anche perché le vecchie non hanno funzionato per niente..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.