“Più contagi?”. Bomba-Minzolini: mascherine “farlocche”: ex commissario Arcuri, rischio “omicidio colposo”?

“Più contagi?”. Bomba-Minzolini: mascherine “farlocche”: ex commissario Arcuri, rischio “omicidio colposo”?

 

Fonte:Liberoquotidiano 01 aprile 2021

Mascherine “farlocche”, Augusto Minzolini sgancia la bomba sul Conte 2: “Se hanno provocato più contagi, si rischia il reato di omicidio colposo”

Un caso che potrebbe avere delle ripercussioni senza precedenti. Parliamo dei 250 milioni di mascherine farlocche, che secondo una perizia assicuravano solo il 10 per del filtro richiesto dalla normativa. Quest’ultime sono state acquistate dal Commissario per l’emergenza precedente Domenico Arcuri e riportavano il timbro della Protezione civile nazionale. Non è tutto perché circa una sessantina di milioni sono state sì sequestrate ieri dalla Guardia di Finanza, ma circa 190 milioni sono state distribuite da settembre in poi a medici infermieri degli ospedali pubblici.

Dati – scrive Augusto Minzolini sul Giornale – “che dovrebbero far riflettere”. Una scoperta, quella dei finanzieri, che non si è conclusa nel sequestro. Minzolini infatti racconta che le fiamme gialle “hanno cominciato un pellegrinaggio negli ospedali che le hanno ricevute in dotazione, per verificare se hanno provocato una maggior incidenza nel contagio o nei decessi del personale sanitario”. Il motivo? Semplice: “Se i dati suffragassero un’ipotesi del genere scatterebbe il reato di omicidio colposo per i responsabili. Una macchia sulla coscienza dello Stato”.

Per la firma del quotidiano di Sallusti però c’è di più. Quando accaduto altro non è che “una delle prove più palesi di quanto sia stato scombinato e pericoloso il modo con cui il governo precedente – quello di Giuseppe Conte – ha fronteggiato la seconda ondata dell’epidemia”. Una notizia, quella delle mascherine a dir poco inutili, che ha scatenato anche il renziano Michele Anzaldi: “È una vicenda che ricorda quella del sangue infetto che tirò in ballo Poggiolini agli inizi degli anni 90″. Poi spunta un “piccolo” dettaglio che fa sorgere a Minzolini più di qualche dubbio: per la stragrande maggioranza queste protezioni individuali sono di fabbricazione cinese. “Il partito cinese rimarca è stato forte sia nel governo Conte uno, che nel governo Conte due”, ha commentato a sua volta il sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulè. Un caso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.