“Quindi nemmeno neocogli…”. Guido Crosetto asfalta Canfora

“Quindi nemmeno neocogli…”. Guido Crosetto asfalta Canfora

 

Fonte:IlGiornale 12 Aprile 2022 Luca Sablone

Il professor Canfora si giustifica dopo l’insulto a Giorgia Meloni: “Ho detto che è neonazista, diverso da nazista”. La replica di Crosetto: “Quindi non è un insulto nemmeno neocogli…”

Neonazista è diverso da nazista“. Così Luciano Canfora prova a giustificarsi dopo la pioggia di critiche ricevute per aver bollato Giorgia Meloni come “neonazista nell’animo“: il filologo ha usato parole durissime contro la leader di Fratelli d’Italia nel corso di un intervento in un liceo barese, senza usare mezzi termini per attaccarla personalmente e accusarla di essersi schierata “coi neonazisti ucraini“. Canfora ha spiegato all’Adnkronos che neonazista è il tipico atteggiamento “di chi usa le navi da guerra per respingere i migranti“, di chi “non accetta e non rispetta l’unità del genere umano” e di chi tratta il fenomeno migranti esprimendosi “in maniera bellica“.

L’insulto di Canfora alla Meloni fa doppiamente orrore

A replicare per le rime alla precisazione di Canfora è stato Guido Crosetto, che sul proprio profilo Twitter ha reagito alle dichiarazioni del filologo. La frase di Canfora viene vista come un riposizionamento rispetto alla tesi iniziale sostenuta, una sorta di attenuante rispetto al significato del termine nazista. Ma quel “neo-” cambia del tutto la considerazione drastica verso la Meloni? Crosetto, imprenditore e fondatore di Fratelli d’Italia, non ci sta e risponde a muso duro: “Secondo Canfora ‘neonazista’ non è un insulto come invece lo è ‘nazista’. Ok, chiaro. Quindi non è un insulto nemmeno ‘neocoglione’“.

Anche Giorgia Meloni ha fatto sentire la propria voce: la leader di Fratelli d’Italia ha fatto sapere che “la querela non gliela toglie nessuno“, annunciando di aver dato mandato per agire legalmente contro le esternazioni fatte nei suoi confronti, parlando di “becera propaganda a dei giovani studenti“.

La Meloni ha espresso il proprio sdegno per le parole pronunciate dal filologo nei suoi confronti: “A voi sembra normale che nelle scuole si dia spazio a un tale odio politico? Io lo trovo a dir poco inaccettabile“.

Va segnalato che fin da subito c’è stata una mobilitazione a favore della Meloni: la dirigente scolastica del liceo scientifico statale di Bari ha preso “ufficialmente e totalmente” le distanze dalle affermazioni di Canfora. Al suo fianco si sono schierate anche personalità pubbliche diametralmente opposte alla linea politica rappresentata da Fratelli d’Italia. Ad esempio Andrea Marcucci, senatore del Partito democratico, ha espresso solidarietà: “Parole insopportabili ed intollerabili. Intollerabile anche che le abbia pronunciate in una scuola pubblica. Un’offesa grave e ridicola“.

Il fotografo Oliviero Toscani ha detto che Canfora è “un po’ confuso“. Per l’attore Alessandro Gassmann bisogna portare “rispetto sempre” senza “insultare chi riteniamo in torto, soprattutto se siamo in presenza di giovani“. Lo storico dell’arte Tomaso Montanari ha invitato a rispettare un “atteggiamento serio, credibile, responsabile e rispettoso di tutti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.